Blog categories

Comments

Procreazione Medicalmente Assistita: la comunicazione fra operatori sanitari e coppie

Alberto Revelli, Professore Associato dell’Università di Torino e Responsabile del Centro di Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) della stessa Università, spiega quanto importante sia la comunicazione fra operatori sanitari e coppie che si rivolgono a un Centro per la PMA. Non solo una comunicazione aperta e improntata alla totale interattività, ma anche una vera e propria empatia contribuiscono a ottimizzare i risultati dei cicli di PMA. Per poter condividere le informazioni relative ai trattamenti, ma anche per illustrare i motivi dei successi e degli insuccessi, è indispensabile dare la massima disponibilità all’ascolto delle coppie e adattare la terminologia che si impiega e i concetti che si espongono agli interlocutori che si hanno davanti. Prospettare le possibilità di successo di un percorso di PMA è uno dei momenti nei quali l’operatore deve scegliere come presentare i dati e con quale obiettivo. Per dimostrare come si possa modulare la comunicazione in tali occasioni, Alberto Revelli fa un esempio interessante: dire a una coppia che ha il 25% di probabilità di successo o dire che ha il 75% di probabilità di insuccesso esprime lo stesso dato, ma può avere un impatto del tutto diverso sulla coppia stessa. Un operatore con le giuste capacità di comunicazione sceglierà l’una o l’altra modalità di presentazione a seconda che ci sia da attenuare aspettative troppo elevate o da potenziare una motivazione inadeguata ad affrontare il percorso di PMA. Un ostacolo alla realizzazione di tale interazione è la mancanza di una didattica e di un addestramento specifici nell’ambito del Corso di Studi in Medicina, ma anche di quelli che preparano altre figure professionali che operano nel Centri di PMA. Come fare quindi per acquisire queste capacità di comunicazione e di interazione con gli utenti? La soluzione più semplice è frequentare strutture nelle quali si ponga la giusta attenzione a questi aspetti. Inoltre si possono seguire Corsi specifici che insegnano ad affrontare le problematiche che si possono creare nell’interazione, per ottimizzare il rapporto e porre le basi per il raggiungimento dei risultati migliori.

 

Redazione Fondazione Cesare Serono

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-color: #9cc2af;background-size: cover;background-position: top center;background-attachment: fixed;background-repeat: no-repeat;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 160px;}div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container.dfd_stun_header_vertical_parallax {-webkit-transform: -webkit-translate3d(0,0,0) !important;-moz-transform: -moz-translate3d(0,0,0) !important;-ms-transform: -ms-translate3d(0,0,0) !important;-o-transform: -o-translate3d(0,0,0) !important;transform: translate3d(0,0,0) !important;}